Il Bergamotto

Il Bergamotto

 

bergamot-35415233333_

 

Dal nome turco "beg àrmodi" (pero del signore), ma la sua origine è ignota, il Bergamotto è un bizzarro agrume commestibile ma di gusto molto agro. Dalla sua sottile buccia, di colore giallo, si estrae l'essenza che serve da fissatore per ottenere i profumi più preziosi nel settore cosmetico, e da antisettico e antibatterico nel settore farmaceutico.

Il frutto contiene dai dieci ai quindici spicchi; il suo fiore, la zàgara, è formato da cinque petali bianchi odorosissimi.

Singolare perché mai impiantato o duplicato altrove.

Stuoli di eminenti agronomi e di coraggiosi agricoltori hanno tentato di riprodurre il Bergamotto (citrus bergàmia) in Sicilia, in Spagna, in Costa d'Avorio, in California e persino nelle Isole Comore, ma si sono arresi mancando l'obiettivo.

Questo piccolo albero della famiglia delle Rutàcee, genere Citrus, fuori dalla Calabria, anzi, fuori dal territorio della provincia di Reggio Calabria non attecchisce né si sviluppa in forma apprezzabile o solo sfruttabile per gli usi industriali o artigianali. Per l'esattezza, cresce solo e sempre in quei 1500 ettari della fascia costiera ionica, che va da Villa S. Giovanni fino a Capo Spartivento, che erano coltivati ad agrumeto fin dal 1650, e lo sono tuttora.